martedì, ottobre 30, 2007

FeedBlitz e gli annunci pubblicitari

Se avete un blog o un sito e volete dare servizi aggiuntivi ai vostri visitatori sicuramente un primo passo è fornire la possibilità di leggere i vostri post anche tramite email.
Questo storicamente vuol dire mettere in piedi una sorta di newsletter.
Soprattutto per aiutare i blogger che non hanno possibilità di installare software o che non hanno le competenze per installarli sono nati servizi di newsletter web in grado di estrarre dal vostro feed i post più recenti e di inviarli via email ai sotoscrittori della vostra newsletter.
Forse uno dei primi servizi e sicuramente il più completo è FeedBlitz!
Servizio nato esclusivamente per fare questo (anche se oggi permette oltre a mandare email anche di utilizzare Twitter, Skype o AOL IM) inizia ad avere concorrenti come FeedBurner che nato per potenziare le possibilità del vostro feed ora permette anche la gestione di newsletter. Ricordiamo che FeedBurner è di Google e va a braccetto con Blogger.

Ieri FeedBlitz ha annunciato il clasico uovo di colombo!
In stile AdSense - AdWords permetterà di guadagnare dalla pubblicità nelle proprie newsletter o di comprare pubblicità nelle newsletter gestite tramite blog!

Ho provato subito ad iscrivermi per capire meglio come funziona ma sembrerebbe ancora legato alla tassazione americana.

Comunque se fossi Google mi mangerei FeedBlitz da inglobare in FeedBurner con il meccanismo AdSense - AdWords!

venerdì, ottobre 26, 2007

Blogger ora permette di seguire i commenti via email

Blogger ora permette di seguire i commenti via email

Da oggi, con Blogger, se introdurrete un commenti potrete scegliere di essere aggiornato sulle eventuali risposte via email.
Ovviamente dovrete fare il commento come utenti Blogger registrati.
E' un bel passo avanti anche se penso che tale importante feature si sarebbe potuta aggiungere anche pubblicando il commento come Other.

giovedì, ottobre 18, 2007

Pubblicità autoprodotta

Un po' di fantasia e si possono fare pubblicità autoprodotte con poca spesa ed una buona resa come questa per pubblicizzare un sito internet

La domanda spontanea è successivamente: ora che è stata prodotta come faccio a farla vedere ed apprezzare?

Ma se deve servire per pubblicizzare il mio sito?

Dovrò quindi fare una campagna di Internet Video Marketing per potenziare la mia attività di Internet Maketing ;)

venerdì, ottobre 12, 2007

Il web 2.0 e i professionisti dell comunicazione

Ormai si parla con insistenza del Web 2.0, nel quale la partecipazione degli utenti ha reso difficile distinguere fra chi è produttore di contenuto e chi spettatore, tanto che il Time ha dedicato ai blogger e a tutti coloro che scrivono e vivono in rete la sua copertina con il titolo di uomo dell’anno.

Per chi come me ha iniziato a lavorare fin dal 2002 su community e siti dove erano gli utenti a produrre gran parte del contenuto tutto ciò è fonte di una certa soddisfazione, a dispetto di chi allora non credeva in queste cose. Proprio però perché frequento da tempo questi ambiti non posso fare ameno di notare come tutto questo sia una grande fonte di complessità e ponga notevoli problemi agli operatori della rete e della comunicazione in genere.

Come si può infatti porre dei confini a questo mondo frenetico e magmatico? Chi a questo punto ha il dovere e l’onere del controllo? Dove finisce il professionista ed inizia il semplice appassionato?

E ancora, non dimentichiamoci che esiste un motivo per cui i motori di ricerca sono da sempre la seconda applicazione in rete dopo la posta elettronica: l’overload di informazioni.

Per questo il fatto che tutti si possano scambiare a grande velocità informazioni attraverso sistemi veloci e quasi automatici, come ad esempio i feed rss, e che i video dei telegiornali a volte siano anticipati e propagati da You Tube crea nuove sfide, moltiplicando e riflettendo all’infinito l’informazione, intesa in senso ampio.

Nello specifico questa velocità richiede nuovi professionisti che conoscano questi meccanismi e sappiano selezionare in questo mare in tempesta l’informazione, il dato, la notizia che serve di volta in volta a quella esigenza cui sono chiamati a rispondere.

Ad una velocità superiore ai concorrenti.

Un po’ giornalisti e un po’ informatici con un pizzico di spirito manageriale i nuovi protagonisti della rete, del futuro web 3.0 o come altro si chiamerà, saranno coloro che riusciranno a governare e guidare le migliaia di fonti senza però reprimere la forza creativa di chi le produce.

In parte ciò è una rivincita dell’uomo e del suo discernimento, non c’è infatti motore di ricerca semantico che possieda la ricchezza del pensiero umano.

Per questo il nuovo professionista del web dovrà conoscere al meglio gli strumenti della ricerca, indispensabili per fare fronte alle quantità, ma poi dovrà sapere distinguere con la propria testa e capire cosa ha davanti.

Non è una sfida semplice ma proprio per questo è quanto mai accattivante...

Gianluigi Zarantonello

Filmati in Google Earth

Ho letto in un post nel blog ufficiale di Google che ora si possono vedere filmati YouTube in Google Earth.
Da sempre si possono vedere in Google Maps!
Non fate però l'errore di considerare questo annuncio una notiziola.

Se non sbaglio i filmati YouTube richiedono Flash.
Questo dovrebbe voler dire che Flash è stato introdotto in Google Earth.
Cavolo!

Non so da quanto tempo continuo a dire che uno dei limiti di Second Life è di non avere il supporto Flash!
Di non poter introdurre filmati YouTube, slide SlideShare, ...
Si parlava di uno sviluppo di Google Earth in direzione metaverso e questa, se l'ho interpretata bene, è una validissima notizia.

Altro punto. Una delle cose più importanti nell'ambito della fotografia è il geotagging.
Macchine fografiche con gps possono creare album fografici che tramite Picasa vengono visualizzati su una mappa.
Estendendo il concetto si arriverà a cineprese con gps che creeranno filmati YouTube geotaggati!

venerdì, ottobre 05, 2007

Come Google cavalca i video

Sicuramente i video sono il fenomeno internet del momento.
Google, dopo aver comprato YouTube, ha il monopolio internet dei video.
Google aggiungerà AdSense (e quindi AdWorks) nei video.
Ma Google è anche in grado di dimostrare alle aziende come trasformare un video in uno strumento incredibile di comunicazione, pubblicità e formazione!
Ha realizzato splendidi video su numerosi propri prodotti/strumenti. Guardatevi ad es. Getting Starting su Google Maps.

Non contento di aver realizzato video eccezzionali li ha raggruppatti in un minisito tematico di video su Google Maps.
http://www.google.com/intl/en_us/help/maps/tour/

C'è sempre da imparare dai grandi!