venerdì, aprile 06, 2007

Politica e pubblicita'

La pubblicità, soprattutto in campagna elettorale, non sembra andare a braccetto con la politica o per lo meno si sfruttano modalità old style e controllabili (cartelloni in spazi previsti, interventi televisivi per tempi predeterminati) o si cerca di bypassare queste limitazioni con interventi che non vengono percepiti come pubblicitari (satira, vignette, articoli, ...).

Ma alle prossime elezioni chi controllerà internet?

Troppi blog di destra? Troppi articoli di sinistra?
Ovviamente ci si darà forte battaglia in questo campo incontrollabile.

Ma se analizziamo le tendenze internet stiamo parlando di preistoria!
Oggi per attirare attenzione bisogna fare video virali!

Il "virale", il passaparola, l'azione combinata di blog e broadcast, definiscono quel "Quinto Potere" che oggi in Francia è capace d'influenzare una campagna politica come quella delle presidenziali 2007.

In Italia, le aziende lo hanno scoperto e alcune stanno sfruttando al massimo la potenzialità della pubblicità virale su internet. Pensate solo agli ultimi spot Vigorsol (Perfetti). Per altre è solo questione di tempo: questo business ha fatto il suo tempo! I Media se ne sono accorti: c'è chi cavalca l'onda tagliando i rami secchi, alcuni si mettono in discussione, altri reagiscono con energici colpi di coda.

Ma in Politica? Possibile che l'unica cosa al di fuori della norma sia stata la bandiera piantata da Di Pietro in Second Life?
Nessuno ha ancora pensato ai video virali per la politica?

Guardate questi due esempi americani. Sono video virali, ironici e ben fatti.

Pensate si tratti di pubblicità negativa per Bush e Schwarzenegger?
Ovviamente sono video amatoriali e non fatti con lo scopo di mettere il luce il personaggio ma la loro forza e diffusione è globale!

La vera frontiera sembra essere il seguente video virale.

E' patetico un politico che si rende ridicolo cercando di scimmiottare i giovani?
Non è forse peggio un politico che sembra avulso dalla realtà quotidiana? (avete presente la figura di Zapatero che non sapeva quanto costa un caffé).

Se penso a tutti i presidenti italiani che si sono succeduti quello che mi viene subito in mente è Pertini. Forse per il suo essere stato in tutto un uomo comune, il nonno che tutti avrebbero voluto.

Politici scatenatevi con i video virali, ballate il rap e la rumba!

Nessun commento: