lunedì, giugno 26, 2006

Pubblicita' nei videogiochi: Massive e Microsoft

Se consideriamo le comunità che utilizzano programmi informatici quella dei videogiocatori è una della principali e la pubblicità non vi è mai entrata.

Penso la ragione principale sia, come per i cinema, un'idea di fondo che se si paga per acquisire si ha il diritto di non avere pubblicità.

Ma se la pubblicità è indiretta, può essere un valore aggiunto?
Ovvero, se il nostro eroe deve prendere una macchina è meglio che sia una macchina di fantasia o un determinato modello di Ferrari o Porsche?
Se il nostro eroe ha sete e va in un distributore di bevande, è meglio che sia una bevanda anonima o una Coca o una Pepsi?

Non mi sembra niente di nuovo rispetto al cinema, per non parlare delle fiction dove spesso si usano marchi più nostrani ed in teoria non si potrebbero utilizzare.

Tutto questo discorso per arrivare dove?
Per arrivare ad un business grossissimo fiutato e sfruttato per primo da Massive.
E' veramente un business così grosso ed importante?
A vedere i nomi degli sponsor, i numeri dei videogiocatori, la diffusione di alcuni videogiochi, ... direi di si.
Inoltre c'è un altro piccolo particolare da corsiderare:
Massive è stata acquistata da Microsoft!

2 commenti:

Fabrizio ha detto...

Su questo tema, ti segnalo un'interessante software house italiana che già da tempo ha messo nei giochi la pubblicità.

http://www.idoru.it

Fabrizio Pivari ha detto...

Forse un pelino differente. Ma un po' di pubblicità nostrana non può guastare ;)