lunedì, gennaio 30, 2006

Scenari di VoIP Business

Per stabilire quali possano essere le prospettive a medio e lungo termine del VoIP è quindi necessario spostare l'attenzione non sulle possibilità di crescita delle utenze, quanto sulle possibilità di "fidelizzazione" nel tempo dei Clienti VoIP. Il tema della fidelizzazione è strettamente correlato ad un altro tema attorno a cui si sta focalizzando sempre di più l'attenzione dei media: il livello di sicurezza delle comunicazioni via VoIP.

  • sicurezza delle comunicazioni
  • limitazioni del sistema
  • la posizione di Telecom Italia riguardo all'evoluzione del mercato della telefonia
  • le prospettive del VoIP business nel Mercato globale

Luigi De Luca (foto a sinistra), Responsabile Comunicazioni e co-fondatore di Ehinet S.r.l. - provider VoIP di nuova generazione tra i più accreditati sul mercato italiano - ci fornisce gli strumenti informativi necessari per permettere d'identificare i confini di uno scenario dinamico qual è quello del VoIP business: un Mercato in cui l'acquisizione di nuovi Clienti VoIP è relativamente facile, stimolato dalla concorrenza agguerrita dei Provider VoIP il cui target naturale è rappresentato da un parco di Potenziali Clienti forte quanto poteva essere quello della telefonia mobile ancora un paio di anni fa.

Alessandro Mirri (D:) VoIP, sicurezza e sniffer (*1): come per le reti lan, per il VoIP esiste il pericolo "sniffer" che permetterebbe a persone con un minimo di specializzazione di poter ascoltare le comunicazioni?

Luigi De Luca (R:) E' un'ipotesi verificabile, indubbiamente. D'altra parte, la garanzia di una sicurezza al 100% nessuno può fornirla quando c'è il web di mezzo. Ma la forte crescita del VoIP fa sicuramente sperare che presto gli addetti ai lavori daranno più peso a questo aspetto. Bisogna aver pazienza e per alcune comunicazioni... "cautela"! Se ci pensiamo bene, neanche la telefonia tradizionale è considerabile sicura, e lo dimostrano le vicende di questi giorni legate alle intercettazioni che hanno messo in imbarazzo, se non peggio, potenti della politica e della finanza.

VoIP e limitiazioni: si è più volte parlato di limitazioni delle comunicazioni VoIP riguardo i numeri speciali. Esistono soluzioni che permettono di deviare le telefonate su una linea tradizionale?

Sulla questione si dibatte spesso. Mi spiego: il VoIP ha dei limiti nel raggiungere alcune numerazioni ma ciò per alcuni è considerato un vantaggio e per altri no. In pratica è impossibile raggiungere i numeri a valore aggiunto come gli 899, 144 e 166 ma di contro, purtroppo, non si possono contattare i numeri verdi 800 o quelli a tariffazione ripartita 848 o i numeri unici 199. L'800 lo possiamo sempre raggiungere via cellulare ma gli altri? Spesso no. Speriamo che presto, anche in questo caso, si trovino delle soluzioni. Una cosa però va sottolineata: dobbiamo distinguere i numeri speciali, quelli sopra elencati, dai numeri di emergenza: questi ultimi sono tutti, dico tutti, raggiungibili via VoIP (ndr: regole PATS (*2)). Purtroppo la poca informazione spesso induce a pensare che con il VoIP non potremo più chiamare Carabinieri, Pronto Soccorso, Vigili del Fuoco, ma non è così.

VoIP e Telecom Italia: è notizia di pochi giorni fa che Telecom ha inviato fattura che richiede il canone aggiuntivo per le linee ADSL senza fonia. Quali sono le posizioni e le previsioni dei provider VoIP riguardo al futuro del monopolio Telecom?

Io non posso farmi portavoce dei Provider VoIP nazionali, posso parlare per Ehiweb.it. Dopo che PC Magazine ci ha classificato tra i migliori tre fornitori di servizi VoIP italiani, stiamo continuando a lavorare su offerte che stimolino la diffusione di questo straordinario mezzo di comunicazione. Forniamo apparati completi ma anche il solo all'allaccio alla rete: così, con 19.90 Euro, diamo a chi già possiede tecnologia VoIP la possibilità di usare i nostri servizi. In pratica un nostro cliente Faidatè paga solo le ricariche del proprio traffico quando vuole e per la cifra che desidera. Dal punto di vista diplomatico, invece, siamo molto vicini alle posizioni dell'AIIP e dell'Assoprovider a cui presto daremo il nostro apporto, non solo idealmente.

VoIP e B2B, proiezioni: dalla Cina gli operatori marketing utilizzano le comunicazioni VoIP per contatti B2B (collaborazioni, proposte di business etc.), stessa cosa avviene in molti Paesi occidentali e ultimamente qualcosa si muove anche in India. Eppure c'è chi considera (e non sono pochi (*3)) i sistemi di comunicazione su base VoIP offerti dal mercato come dei semplici giocattoli: è davvero così? Cosa ci riserva il prossimo futuro?

Noi italiani siamo esterofili. Tutto d'un tratto ci scopriamo innamorati di ciò che proviene da oltreconfine e lo vogliamo a tutti i costi. Mi vien da pensare, quindi, che se un tocco esotico al VoIP proviene dall'uso che ne fanno nel B2B (*4) i nostri colleghi orientali, beh, per via dell'esterofilia di cui sopra, c'è da ben sperare anche per noi! Scherzi a parte: dalle richieste continue che riceviamo s'intende che le aziende presto si sveglieranno, comprenderanno quanto è facile usare questa tecnologia e potranno testarla, viverla e, di conseguenza, apprezzarla. E i privati? Anche loro ne scopriranno sempre di più i vantaggi. Ma dovranno essere aiutati dai mezzi d'informazione: ci rendiamo conto che in Italia il maggior divulgatore pubblico del VoIP è un comico? Beppe Grillo! Pensate se la stampa o la TV iniziassero davvero a dare spazio al telefono via adsl... Bisogna avere fiducia nel futuro e negli sviluppi del mercato e della tecnologia. Tutte le grandi innovazioni vantaggiose per l'uomo hanno avuto un periodo leggendario e pionieristico. Questo il VoIP l'ha superato da tempo, ora bisogna solo aver fiducia e osare, osare il possibile.

(*1) Prodotti software utilizzati per memorizzare e intercettare il trafficotelematico, da cui Sniffing: attività di intercettazione passiva dei dati che transitano in una rete telematica.Maggiori informazioni: Wikipedia -> Sniffing

(*2) Sigla identificativa per Publicly Available Telephone Service: servizio accessibile al pubblico che consente di effettuare e ricevere chiamate nazionali ed internazionali, di accedere ai servizi di emergenza e che utilizza numeri che figurano in un piano nazionale o internazionale di numerazione.Riferimento: federaeit.it

(*3) << [...] La realtà è (purtroppo/perfortuna) che Skype, Google Talk, etc. sono giochi e trastulli per amanti del genere, ma se questi sono i livelli di servizio, il vero business ci metterà anni ad arrivare. >>>> fonte: imli.com

(*4) Business to Business: l'espressione comune che indica i rapporti tra aziende nel mercato dei prodotti industriali. Quest'ultimo si caratterizza per il fatto che acquirente e venditore perseguono gli stessi obiettivi e hanno simili configurazioni organizzativo-decisionali.

Copyright © 2006 PR & Marketing Network, Ehinet S.r.l.un'intervista di Alessandro Mirri a Luigi De Luca - Responsabile Comunicazioni Ehinet S.r.l. - pubblicato secondo la licenza di utilizzo di Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Che post inutile...

Anonimo ha detto...

A proposito di Beppe Grillo... ho letto tempo fa sul blog di Beppe un commento di un lettore circa un'azienda di telefonia voip chiamata OmniaVox (http://www.omniavox.com) ed ne ho effettivamente constatato l'ottima qualità del servizio e professionalità. Ne ho provate altre prima ma questa mi sembra la piu' seria ed affidabile... Ciao Gigi