venerdì, gennaio 07, 2005

La strategia vincente di Google: le Pubbliche relazioni

Google è il motore di ricerca più diffuso al mondo.
Come tutti sanno i suoi punti di forza riguardano: l'usabilità, l'accessibilità e, naturalmente, la velocità di ricerca.
Quello che non tutti sanno, invece, è che la forza di Google risiede principalmente nella strategia di Marketing dell'Azienda.
Cindy McCaffrey ex-Vicepresidente dell'azienda e responsabile del settore Marketing, rappresenta la causa principale della diffusione planetaria di Google.
E' grazie a lei e ai suoi collaboratori se Google è diventato la realtà che tutti conosciamo.

Dal codice sorgente alle pubbliche relazioni: la forza di Google

Sviluppare un algoritmo rivoluzionario, ottenere fondi quasi illimitati per proseguire la ricerca, e investire parte di quei fondi per sviluppare una struttura organizzativa che riesca a sviluppare un piano business adeguato e, soprattutto, che sia sostenibile dalla struttura.
Google è l'esempio più eclatante di cosa significa sviluppare un piano business di successo dove innovazione, tecnologia, pubbliche relazioni ed investimenti, sono coordinati al punto da diventare un'unica forza esplosiva: il successo di Google.

Google Marketing : pubbliche relazioni

Google e le Pubbliche relazioni sono un connubio inscindibile. Fin dalle origini del motore di ricerca, la prima forza trainante di Google è stata "il sapersi proporre e vendere".

I padri storici di Google hanno dimostrato come non sia sufficiente sviluppare un algoritmo rivoluzionario, o un'idea innovativa in generale: quello che conta è sapersi proporre assieme alla propria creazione senza svendersi o cedere il proprio progetto.
" Si ma hanno avuto fortuna a trovare le persone giuste e tutti quei fondi", dicono alcuni. Il punto è un altro: hanno avuto fortuna a sviluppare l'idea che ha cambiato il concetto di ricerca sul web prima di altri. Da qui in poi la fortuna ha lasciato il posto all'abilità di sapersi proporre senza perdere i diritti sulla propria creazione.
Nella storia del Web la Fortuna economica di alcune note Aziende è stata costruita sul lavoro di Terze parti, poi diventate parte integrante di progetti più vasti. Un esempio per tutti: Macromedia è la Realtà che conosciamo grazie agli sforzi di coloro che svilupparono il software che oggi è conosciuto come FLASH.
Google deve la sua enorme diffusione al proprio Settore Marketing il cui fulcro principale è rappresentato dalle Pubbliche relazioni, tramite cui l'azienda è riuscita a sviluppare accordi di partnerships con realtà diversificate del panorama web.

Google Marketing: percorso storico di una strategia vincente

Tracciando il percorso storico di Google, si riesce a delineare (in linea di massima) la strategia di marketing dell'azienda.
Alla fine degli anni 90, in pieno boom della New Economy, Google era un semplice motore di ricerca la cui forza stava nell'algoritmo di ricerca innovativo che non aveva eguali. Il nuovo West informatico, terra di frontiera allora come oggi, fu teatro della Prima Grande corsa all'Oro: l'informazione.
Tecnologia a portata di tutti, idee e nuove strategie di business (vincenti o perdenti che fossero), furono tra le cause della nascita di nuovi Brand, con un occhio sempre vigile sulla concorrenza.
Il percorso logico per capire le potenzialità del business d'informazione legato ai Motori di Ricerca richiese pochissimo tempo.
In varie parti del mondo occidentale nacquero concorrenti locali ai grandi M (Motori) americani. Alcuni di essi antecedenti alla nascita di Google. In Italia nasce Virgilio, lanciato da una campagna pubblicitaria in grande stile (su strada, in radio e per televisione): una directory dedicata esclusivamente a siti web in lingua italiana. In Francia viene sviluppato Voilà, oggi di proprietà di France Telecom...
Una volta affermatosi, Virigilio sceglie Google per i propri servizi di ricerca. In risposta al grande rientro promozionale all'estero (in diverse realtà Locali), Google diversifica le proprie opzioni introducendo ricerche in Lingue diverse dall'inglese.
Google ha avuto la capacità di sviluppare il proprio business adeguandosi alle necessità dei diretti concorrenti accrescendo proporzionalmente la propria immagine e promuovendo il proprio marchio. L'esempio più eclatante: Yahoo! scelse Google prima di divenirne una delle nemesi più agguerrite.
Ma andiamo per ordine, riportando alcuni dei fatti più salienti del percorso storico di Google...
Siamo nel 2001, Page e Brin lasciano il posto a Eric Shmidt, uno dei Vice Presidenti, ex Sun Microsystem che diventa presidente del consiglio di amministrazione.
Nel Maggio dello stesso anno Google riporta alla luce gli archivi dei newsgroup che furono di Deja.com, comprando questo patrimonio culturale di oltre 650 milioni di posts.
Da questo momento la corsa all'affermazione del proprio Brand porta Google ad instaurare partnerships con le aziende a cui il consiglio aveva deciso di dare l'assalto per affermare il Motore come unico Leader incontrastato del proprio settore: l'azienda inizia a fornire la tecnologia di Ricerca a directories internazionali e locali come Yahoo! e Supereva.
Dal 2002 Google inizia a diversificare i propri investimenti. Le Pubbliche relazioni si propongono un nuovo obiettivo: piazzare i servizi Google per soddisfare richieste di Ricerche Interne a siti web di risonanza internazionale. Un esempio per tutti: RED HAT, una delle più note aziende operante nell'ambito Linux. L'obiettivo è allargare il proprio parco clienti allo scopo di attirare nuovi visitatori fornendo il servizio di ricerca a tutti gli utenti tramite un semplice form on-line.
Nel 2003 vengono pubblicati i risultati di un sondaggio svolto a livello mondiale sul sito Brandchannel.com dalla Interbrand (leader mondiale nello studio dei marchi):Google (con il 15% dei consensi) risulta essere il Marchio più conosciuto, superando Marchi storici come CocaCola, Nike, Nokia... >> rif. fonte: Panoramaweb.Mondadori.
Il 2004 è l'anno della consacrazione. Gli interessi dell'azienda si sviluppano in nuove direzioni attraverso programmi di Affiliazione mirati e fornendo nuovi servizi di ricerca gratuiti. Le ricerche si spostano verso target georeferenziati, sul mondo della telefonia mobile... anticipando oppure coprendo i fronti considerati più caldi dove la concorrenza ha pianificato ed investito risorse per l'assalto al monopolio Google.

Google Marketing: servizi gratuiti per abbattere la concorrenza.

GOOGLE News è il più noto tra i servizi gratuiti offerti dall'azienda. Naturalmente si parla dell'Italia.
Negli USA il servizio gratuito di GOOGLE che va per la maggiore è rappresentato da FROOGLE.
Un indice di prodotti/servizi venduti on-line i cui risultati sono organizzati per fascie di prezzo, novità, categorie, offerte da non perdere.
Il servizio in sé non è una novità. Lo è invece la caratteristica principale che lo contraddistingue: è assolutamentegratuito e non c'è limite all'inserimento degli articoli che si voglio promuovere.
Le News e FROOGLE sono i due esempi più significativi di ciò che vuol dire fidelizzare potenziali Clienti, o Clienti già acquisiti, offrendo gratuitamente servizi attraverso cui affermare la propria leadership: testando nuove tecnologie e algoritmi, creando Clienti soddisfatti allo scopo di sviluppare una "dipendenza" tesa ad incrementare l'investimento sui Programmi di Affiliazione, acquisendo (o confermando) importanti partnerships.

Articolo scritto per alVerde.net da Alessandro Mirri (advmagazine.net).

Nessun commento: